Piove sul bagnato, un detto a tutti noto, coniato dal genio italiano della poesia, molto azzeccato in questi tempi, per i numerosi acquazzoni, o meglio, tornadi che colpiscono frequentemente le nostre città, provocano disastri, frequenti e inquietanti, infatti ne vediamo, direi, di tutti i colori.

Una vera pioggia di colori … a- do-  Rosso- amore, b-re- arancione -bacio,  c-mi-giallo -cuore, d-fa-verde-desiderio, e-sol-blu- emozione, f -la-indaco- futuro, g-si-viola gioia, h-do-rosso-oh ! i- re-arancio-idea, l-mi giallo, luna, m-fa-verde- mamma, n-sol-blu- nuvole, o-la-indaco-onda, p-viola-si- pioggia, q-do-rosso-quadro, r-re-arancione- rumore, s-mi-giallo-scroscio, t-fa-verde- turbolenza, u-sol-blu- urlo, v-la-indaco-velocità, z-si-viola- zona… 

Traduco: eravamo abituati a danzare perchè la pioggia, facesse crescere ortaggi, frutti, di tutti i colori, di ogni colore, e anche gl’innamorati, dandosi un bacio sotto la pioggia facevano tornare  il sole, mentre il cuore felice, sorrideva al desiderio, verde come la speranza, sdraiandosi sul prato, pieno di margherite, e guardando emozionati il cielo, foriero d’idee per il loro futuro, facevano gioiosi sogni, ma dall’1 al 7, non avevamo ancora fatto i conti con la lettera h, acca, nè con la K, cappa, così ho lanciato l’idea, tra l’arancio del sole e il giallo della luna, la mamma, nuvole per i nostri sguardi, onde dei pensieri più belli, e la pioggia crea un quadro grigio, facendo un rumore assordante quando scroscia  e la turbolenza, lancia il suo urlo a velocità del vento che ultimamente spira a più di 100 KM orari. Così ho pensato come fare per cambiare il senso delle parole e dei concetti ed ho utilizzato la X, la Y, che uniscono pensieri, note, lettere, numeri e riescono a scavalcare ponti, idee, limiti, scatenando rivoluzione del senso metrico, che lo zero, in ogni dove, ferma il concetto, e riprende un nuovo corso, una nuova realtà. La pioggia di colori, cascate di colori, riprendono così il loro senso e sul bagnato, riscrivono una nuova melodia, strie di colori, luci, punti, figure tra loro congiunte, un meccanismo quantico, che insegna dove, come e perchè, tutto ci unisce, anche l’universo, diventa il mistero più luminoso, collegato al pensiero ed al desiderio di potere riscrivere la parola amore, con un nuovo contenuto, semantico e non solo, perchè il seme dell’amore, la luce bianca, trasforma il pensiero,  come l’ arcobaleno, dall’alba al tramonto cambia la scena, senza abbandonare mai, la speranza di crederci, attimi, sogni,  poi i suoi occhi, la sua dolcezza, senza illuderci, perchè se sarà per sempre, con la convinzione assoluta che sarà l’unico, questo sentimento, cambierà il senso delle meteore e delle false comete, restituendo al cuore tutti gli attimi sprecati a cercarti.